DJI lancia il Mavic 3 Classic

Salute e tecnologia

DJI lancia il Mavic 3 Classic

Il lancio del Mavic 3 Classic ha reso la sua tecnologia più accessibile agli appassionati attenti al budget che finora ne hanno dovuto fare a meno.

Il Mavic 3 Classic segue la stessa logica nell’estendere la serie di droni Mavic con una versione più economica, anche se questa volta con un limitato ridimensionamento dell’hardware e delle funzioni.

Per cominciare, il costo di un Mavic 3 Classic da solo è di 1509 Euro, più accessibile rispetto ai 1949 Euro Mavic 3. Anche il drone venduto con un DJI RC avrà un prezzo relativamente ragionevole di 1609 Euro rispetto ai 2659 Euro del Mavic 3 Combo con lo stesso radiocomando.

Ma come ha potuto DJI inserire le caratteristiche del Mavic 3 in un drone meno costoso e più compatto? Principalmente il sacrificio del teleobiettivo del drone originale e la configurazione del nuovo UAV come un’unica fotocamera, ma che fotocamera!

I video del Mavic 3 Classic

La più grande attrazione tecnologica del Mavic 3 Classic è l’imballo della stessa fotocamera 4/3 CMOS da 20 megapixel Hasselblad di cui è dotato l’originale, che scatta immagini con la chiarezza dell’occhio umano.

Permette ai piloti di catturare video fino a 5,1K/50 fps, 4K/60 fps e 1080p/60fps utilizzando gli encoder H.264 e H.265. Le modalità slow-motion registrano filmati a 4K/120fps e 1080p/200fps, mentre l’apertura regolabile da f/2,8 a f/11 per una gamma dinamica nativa di 12,8 stop garantisce immagini nitide e ben definite, indipendentemente dal tipo di illuminazione. In ambienti a bassa luminosità, come l’alba o il tramonto, la modalità di ripresa notturna produce video puliti riducendo gli effetti di distorsione dovuti alla scarsa illuminazione.

Il sensore da 20 megapixel della fotocamera elabora le immagini in RAW a 12 bit per la fotografia e in D-Log a 10 bit per i video. La sua Hasselblad Natural Color Solution produce direttamente tutti i filmati in colori reali che non necessitano di correzione in post-produzione.

Voli più lunghi e intelligenti

Proprio come il suo predecessore più costoso, il Mavic 3 Classic vanta un tempo di volo massimo di 46 minuti con una singola carica, circa il 30% in più rispetto ai modelli precedenti di droni DJI.

Una volta in volo, il sistema di trasmissione del segnale O3+ del Mavic 3 Classic fornirà un contatto costante e affidabile con il controller remoto e feed di video a 1080p/60fps fino a 9,3 miglia (anche se i piloti non vorranno testare questa resistenza senza una deroga BVLOS).

Come nel caso del Mavic 3 originale, il nuovo drone di DJI è in grado di seguire e inquadrare automaticamente i soggetti mentre controlla la fotocamera con modelli di volo cinematografici. L’attivazione della funzione ActiveTrack 5.0 consente di identificare e agganciare persone, animali o oggetti mirati, muovendo al contempo la navicella e l’obiettivo in sincronia per una registrazione video fluida e costante.

Il drone è configurato con la modalità MasterShots automatizzata, che supervisiona le funzioni di ripresa e di editing per il pilota che sta imparando; cinque modalità di volo e ripresa QuickShots pre-programmate; e impostazioni di registrazione time-lapse, hyperlapse e panorama.

Il Mavic 3 Classic vanta anche il nuovo Cruise Control di DJI, che consente ai piloti di impostare una velocità di volo costante per potersi concentrare sugli oggetti o sulle scene da filmare. L’opzione è progettata per ridurre o eliminare i video mossi che possono derivare dal fatto che gli operatori devono modulare la velocità del drone durante le riprese.

I filmati raw catturati con la versione Classic vengono poi scaricati rapidamente dal mezzo a un telefono cellulare o a un computer per l’editing grazie alla funzione High-Speed QuickTransfer, che utilizza la connettività Wi-Fi fino a 80 MB al secondo – e senza dover collegare il controller remoto – per accelerare il processo.

Care Refresh del Mavic 3 Classic

Come di consueto in occasione del lancio di un drone, DJI offre agli acquirenti del Mavic 3 Classic una protezione completa per il velivolo attraverso il programma DJI Care Refresh, che copre i danni accidentali, il flyaway, le collisioni e il degrado dell’acqua.

Come tutti i prodotti DJI, Mavic 3 Classic è stato progettato tenendo conto della sicurezza dei dati. I creatori non dovranno mai condividere foto, video o registri di volo con nessuno, a meno che non lo decidano loro. Il drone non deve mai essere collegato a Internet durante il volo e i sistemi di trasmissione sono criptati sia per i segnali video del drone che per i suoi comandi di volo. Anche quando si vola per incarichi fotografici e video di alto profilo, i sistemi di privacy dei dati di DJI garantiscono la discrezione e la protezione richieste dagli incarichi più delicati.

FONTE

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *