Recensione DJI Mini 3: Un drone entry level economico e sofisticato

Salute e tecnologia

Recensione DJI Mini 3: Un drone entry level economico e sofisticato

dji-mini-3-recensione

Ecco la recensione del nuovo DJI Mini 3, disponibile in pronta consegna su DJI Store Italia.

Alla fine del 2019, DJI ha presentato il suo primo drone da meno di 250 grammi. Da allora sono stati rilasciati altri due modelli della famiglia DJI Mini. Il nuovissimo DJI Mini 3 è un modello leggermente ridotto che offre alcuni miglioramenti rispetto al suo predecessore, il Mini 2, come un tempo di volo più lungo. Certo, non avrete a disposizione le funzioni avanzate del Mini 3 Pro, ma se non avete bisogno di video 4K/60p, di evitare gli ostacoli o di seguire i soggetti, e nemmeno di funzioni come Hyperlapse, questo potrebbe essere il drone leggero che fa per voi.

dji mini 3
Il Mini 3 ha una fotocamera quasi identica a quella del Mini 3 Pro e può scattare anche in modalità Ritratto.

Caratteristiche principali

  • Sensore da 12 MP, tipo 1/1,3 (10 x 7,5 mm)
  • Obiettivo da 24 mm (equivalente) con apertura fissa F1,7
  • Scatto di ritratti
  • Possibilità di zoomare fino a 4X sui video
  • Video 4K/30p
  • Codec H.264 e bitrate di 100 Mbps
  • Acquisizione di immagini Raw e JPEG
  • Trasmissione delle immagini OcuSync 2.0 (O2) – portata di 10 km (6,2 mi)
  • Rilevamento della visione verso il basso
  • Compatibile con il telecomando DJI RC
  • Fino a 38 o 51 minuti di volo
  • 249g

A confronto

Il design del Mini 3 è quasi identico a quello del Mini 3 Pro. Il gimbal e la fotocamera sono praticamente gli stessi. Possono ruotare per catturare anche video verticali adatti ai social media. DJI afferma inoltre che la tecnologia dei pixel 4-in-1 della fotocamera (nota altrove nel mondo dell’imaging come Quad Bayer) crea immagini da 12MP con fotositi effettivi da 2,4μm rispetto agli 1,2μm del sensore del Mini 3 Pro che produceva immagini da 48MP.

Mini 3Mini 3 ProMini 2
Camera12MP, Type 1/1.348MP, Type 1/1.312MP, Type 1/2.3
Digital Zoom4K: 2x, 2.7K: 3x, 1080p: 4x4K: 2x, 2.7K: 3x, 1080p: 4x4K: 2x, 2.7K:3x, 1080p: 4x
Video ProfileNormalNormal, D-CinelikeNormal
Video resolution4K/30p4K/60p4K/30p
Video bit-rate100 Mbps/H.264150 Mbps/H.264 and H.265100 Mbps/H.264
Video tranmissionDJI O2, 720p/30p, 10kmDJI O3, 1080p/30p, 12kmDJI O2, 720p/30p, 10km
APASNoneAPAS 4.0 for Spotlight and ActiveTrackNone
Obstacle avoidance sensorsDownward Vision PositioningForward, Backward, DownwardDownward Vision Positioning
Flight time38 minutes/51 minutes*34 minutes/47 minutes*31 minutes
Core Intelligent FunctionsQuickShotsAPAS 4.0 Hyperlapse Spotlight 2.0
Point of Interest 3.0 ActiveTrack 4.0 MasterShotsQuickShots
Quickshots
Dimensions148x90x62 mm145x90x62 mm138x81x58 mm
Weight249g**249g**249g

La durata maggiore richiede la più pesante “Flight Battery Plus” da 28,4 Wh, non disponibile in tutti i paesi.
** Peso di 249 g quando si utilizza la batteria di volo intelligente da 18,1 Wh standard.

Ciò che è notevolmente assente rispetto al fratello Pro è il profilo D-Cinelike a 10 bit di DJI, che offre una maggiore flessibilità di post-elaborazione.

Il Mini 3 è compatibile con il radiocomando RC di DJI che alimenta la serie Mavic 3 e con il radiocomando RC-N1. È possibile acquistare il Mini 3 come unità indipendente se si dispone di uno di questi radiocomandi.

Il Mini 3 vola, si controlla e manovra proprio come il Mini 3 Pro. L’unica vera differenza è la mancanza di sensori per evitare gli ostacoli. Quando li abbiamo provati entrambi, fianco a fianco, il Pro emetteva un segnale acustico quando si avvicinava al ramo di un albero, il che può essere utile.

Rispetto al Mini 2, il corpo del Mini 3 è più robusto (nonostante lo stesso peso) e può gestire meglio il vento forte. Ho anche notato che il gimbal del Mini 3 è molto più stabile di quello del Mini 2, che secondo la mia esperienza tende a inclinarsi.

Si nota subito che la fotocamera del Mini 3, con il suo sensore più grande di tipo 1/1,3 (10 x 7,5 mm) e l’apertura F1,7, offre una qualità d’immagine superiore a quella del Mini 2. I colori sono molto più brillanti e le immagini sono complessivamente più pulite, con meno disturbi. I colori sono molto più brillanti e le immagini sono complessivamente più pulite, con meno rumore a chiazze. Questo ha reso piacevole l’utilizzo del controller opzionale DJI RC, con il suo LCD integrato. Lavorando insieme, il Mini 3 e il radiocomando DJI RC sono sembrati un’esperienza di pilotaggio moderna.

Una cosa che si nota, però, è che le luci e le insegne sono un po’ sfocate nelle riprese video notturne. Nel nostro filmato di esempio non si riesce a leggere l’insegna in cima all’hotel che stavamo riprendendo. Inoltre, quando abbiamo tentato di fare un reveal shot, le riprese erano un po’ sfocate finché non abbiamo smesso di muovere il gimbal e lasciato fermo.

Quello che manca di più è la possibilità di catturare filmati Hyperlapse. È anche un peccato che il profilo D-Cinelike non sia incluso, anche se capiamo la logica di DJI nel giustificare il prezzo per il livello superiore. Detto questo, se avessi un Mini 2, farei sicuramente un upgrade, soprattutto per la maggiore durata del volo. Chi possiede un Mini 3 Pro, sicuramente continuerà a tenerlo a cause di tutto quello che ha da offrire in più.

dji rc
Se non volete usare il vostro smartphone (DJI Fly app), il radiocomando DJI RC costa solo €299 ed è compatibile con il Mini 3. Non funziona con il Mini 2.

Per chi è?

Il Mini 3 è un drone entry-level modernizzato. Innanzitutto, è adatto a chi vuole un drone contemporaneo di peso inferiore a 250 g, in grado di catturare foto e filmati decenti. Detto questo, dato che le riprese in modalità ‘Auto’ di notte tendono a spegnere le luci, una certa conoscenza della regolazione delle impostazioni della fotocamera sarà utile per le riprese notturne, in quanto si otterranno risultati migliori utilizzando le impostazioni ‘Pro’ (manuali).

Poiché le batterie Intelligent Flight della Mini 3 e della Mini 3 Pro sono intercambiabili, questa può servire come modello di riserva per la Pro o come punto di partenza per un possibile aggiornamento futuro se il pilota decide di desiderare impostazioni più avanzate. Chi ama la funzione MasterShots, la possibilità di seguire i soggetti, la creazione di Hyperlapse o la cattura di video 4K/60p dovrà puntare direttamente all’opzione Pro di livello superiore.

Il lato positivo della mancanza di sensori di evitamento degli ostacoli del Mini 3 è che DJI ha riportato in auge la sua leggera protezione eliche a 360º. Questo componente aggiuntivo consente di volare in spazi ristretti senza doversi preoccupare di una collisione. Potreste voler stare alla larga dai rami degli alberi con piccoli ramoscelli sporgenti, ma le superfici solide non saranno un problema.

Conclusioni

Complessivamente, siamo soddisfatti delle prestazioni del Mini 3.

Il Mini 3 è sicuramente il modello entry-level di peso inferiore ai 250 grammi per chi si aspetta un’esperienza di livello superiore. Mancano alcuni elementi di spicco, ma questo drone è dotato di una tecnologia tale da rendere il volo agevole per chiunque, e presenta anche alcuni miglioramenti evidenti nella qualità dell’immagine. Se potete permettervi qualche centinaio di euro, il Mini 3 è un investimento che vale la pena fare.

FONTE