La regola della FAA sull’identificazione remota dei droni è costituzionale

Email ammassi.it

La regola della FAA sull’identificazione remota dei droni è costituzionale

Venerdì scorso, una Corte d’Appello degli Stati Uniti ha confermato le norme sull’identificazione remota dei droni stabilite dalla FAA. Respingendo la petizione di un utente di droni che sosteneva che l’identificazione remota avrebbe invitato a una “sorveglianza governativa senza mandato in violazione del Quarto Emendamento”, un collegio di tre giudici di Washington ha stabilito che l’obbligo per un drone di mostrare la propria posizione e quella del suo operatore mentre il velivolo è in volo “non viola alcuna ragionevole aspettativa di privacy”.

Che cos’è l’ID remoto per i droni?

L’ID remoto si riferisce alla capacità di un drone in volo di fornire informazioni di identificazione e localizzazione che possono essere ricevute da persone nel raggio dei segnali radio locali. La FAA lo paragona a una “targa digitale” per un drone.

Affinché un drone possa trasmettere informazioni quali l’identificativo univoco, l’altitudine o la posizione di decollo, può disporre di funzionalità Remote ID incorporate o essere dotato di un modulo Remote ID esterno.

A chi si applica la norma sull’ID remoto?

La norma sull’ID remoto della FAA si applicherà a tutti gli operatori di droni negli Stati Uniti, con le seguenti esenzioni:

  • Si vola con un drone che pesa meno di 250 g, come il DJI Mini 3, e lo si fa volare solo per scopi ricreativi.
  • Si vola con un drone in una FAA-Recognized Identification Area (FRIA). Queste FRIA sono i tradizionali campi di aeromodellismo dove gli hobbisti si riuniscono e volano in sicurezza da decenni.

La FAA afferma che il Remote ID aiuterà le forze dell’ordine e le altre agenzie federali a trovare la stazione di controllo quando un drone sembra volare in modo non sicuro o dove non è autorizzato a volare. L’identificazione remota getterà inoltre le basi della sicurezza e della protezione necessarie per operazioni più complesse con i droni, come le missioni oltre la linea di vista (BVLOS) e le consegne di pacchi.

L’anno scorso, però, il firmatario Tyler Brennan, un utente di droni che vende anche parti di droni FPV, ha citato in giudizio la FAA per questa norma. Brennan ha sostenuto che le autorità preposte all’applicazione della legge potrebbero usare l’ID remoto come scusa per effettuare una sorveglianza continua dei piloti di droni. Secondo Brennan, inoltre, la norma potrebbe essere applicata in modo da rivelare l’identità e la posizione degli operatori anche quando questi operano da un luogo altrimenti privato, come la loro abitazione.

Va sottolineato che Brennan non è stato il solo a pensarla così. È riuscito a raccogliere oltre 83.000 dollari da 2.000 donatori della comunità dei droni per portare questa sfida alla FAA.

Tuttavia, il giudice Cornelia Pillard della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito del Distretto di Columbia ha stabilito che la condivisione di informazioni limitata, locale e in tempo reale richiesta dalla norma sull’identificazione remota è “ben lontana” dalla sorveglianza continua.

Pillard ha affermato che:

… i piloti di droni in genere non hanno una ragionevole aspettativa di privacy sulla posizione dei loro sistemi di droni durante il volo. Una “perquisizione” ai fini del Quarto Emendamento si verifica quando l’azione del governo viola una sfera che un individuo cerca di preservare come privata e l’aspettativa di privacy è quella che la società considera ragionevole in base alle circostanze.

Nella sua petizione, Brennan ha anche sostenuto che la norma sull’identificazione a distanza deve essere annullata a causa di vari errori procedurali che, a suo avviso, la FAA ha commesso nel promulgarla. Ma Pillard ha affermato che nessuno di questi difetti ha influito sulla validità della norma.

La più grande associazione no-profit al mondo che rappresenta i sistemi senza equipaggio e la robotica, l’Association for Uncrewed Vehicle Systems International (AUVSI), ha lodato la decisione del tribunale. Brian Wynne, presidente e CEO dell’AUVSI, ha dichiarato:

Numerosi settori si affidano ai droni per le loro operazioni e si prevede una crescita significativa del settore nei prossimi anni. Di conseguenza, la FAA ha emanato una norma sull’identificazione remota che fa progredire adeguatamente l’integrazione dei droni in modo da aumentare la sicurezza per tutti gli utenti dello spazio aereo.

Armonizzando le esigenze delle parti interessate commerciali e delle forze dell’ordine, la norma supporta operazioni commerciali con i droni scalabili, sicure e sostenibili. La norma finale sull’identificazione remota è assolutamente necessaria per la continua espansione delle operazioni con i droni e per realizzare la visione del Congresso di uno spazio aereo integrato che porti benefici significativi al popolo americano.

Anche la Consumer Technology Association (CTA) ha applaudito la decisione del DC Circuit che ha confermato le norme della FAA che richiedono l’identificazione a distanza dei droni.

Doug Johnson, vicepresidente della politica tecnologica della CTA, ha sottolineato che la Corte ha correttamente osservato che “il governo degli Stati Uniti “ha la sovranità esclusiva dello spazio aereo degli Stati Uniti” e la FAA è autorizzata dal Congresso a “sviluppare piani e politiche per l’uso dello spazio aereo navigabile e ad assegnare per regolamento o ordinanza l’uso dello spazio aereo necessario per garantire la sicurezza degli aeromobili e l’uso efficiente dello spazio aereo””.

Scadenze e conformità dell’ID remoto per i droni DJI

I produttori di droni hanno tempo fino al 16 settembre 2022 per conformarsi ai requisiti finali del Remote ID stabiliti dalla FAA. Per gli operatori, invece, la data di adeguamento è il 16 settembre 2023.

Il più grande produttore di droni al mondo, DJI, prevede di distribuire gli aggiornamenti alle sue linee di prodotti in fasi successive, tenendo conto della loro popolarità e del loro ciclo di vita all’avvicinarsi della scadenza della FAA. Ma poiché la FAA consentirà anche ai piloti di droni di soddisfare i requisiti di Remote ID con un modulo aggiuntivo separato, si prevede che ogni drone DJI abbia un percorso di conformità.

Detto questo, se volate con un Mavic Mini, Mini 2 o Mini 3 solo per hobby, non avete nulla di cui preoccuparvi.

È possibile leggere la decisione completa sulle regole di identificazione remota della FAA da parte del tribunale di Washington qui.

FONTE

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.